Buon compleanno Tex!

TEX WILLER COMPIE 70 ANNI, PER LUI UNA MOSTRA E UN PARCO

Il 30 settembre Tex Willer ha compiuto 70 anni.

Quello che sarebbe diventato il più longevo fumetto italiano debuttò in edicola il 30 settembre 1948 con un albo di 32 pagine formato striscia, intitolato “Il totem misterioso”.

Figlio delle matite di Aurelio Galeppini, in arte Galep, e della fantasia di Gian Luigi Bonelli, ben presto Tex divenne il fumetto più venduto in Italia, passando dal formato striscia a altri di tipo albo, fino a imporre un proprio formato (il bonellide)a cui si adeguarono tutti gli albi pubblicati dalla casa editrice.

A partire dagli anni 70 le avventure di Tex sbarcarono anche nelle librerie con edizioni rilegate, una vera novità per il mercato italiano.

Il successo di Tex valicò i confini italiani e le sue avventure furono pubblicate (e lo sono tuttora) in vari paesi sia in Europa sia nel resto del mondo.

Attualmente Tex è nelle edicole con il numero 696 della serie regolare, con le serie di ristampe Classic Tex, Tex nuova ristampa e TuttoTex, con l’annuale Tex Magazine, i semestrali Tex Color, Romanzi a fumetti, e Maxi Tex, senza contare le numerose iniziative editoriali che hanno visto le storie di Tex abbinate a quotidiani e periodici italiani.

Nel corso di questi settanta anni numerosi disegnatori e sceneggiatori, sia italiani, sia stranieri, hanno dapprima affiancato e poi sostituito i fondatori Galep e G.L. Bonelli. In particolare le serie Maxi Tex e Romanzi a fumetti hanno visto autori del calibro di Magnus, Paolo Eleuteri Serpieri, Joe Kubert, Ivo Milazzo.

A Tex sono state dedicata mostre (attualmente in corso a Milano Tex 70 anni di un mito, fino al 30 gennaio 2019 al Museo della Permanente), saggi, analisi sociologiche, volumi di rivisitazioni grafiche, dando vita a una notevole bibliografia.

Nella vetrina proponiamo una breve selezione di opere su Tex e di sue avventure, con l’avvertimento che una volta entrati nel mondo di Tex sarà impossibile uscirne.

09. ottobre 2018 by admin_3006
Categories: Senza categoria | Leave a comment